Indovina chi viene a colazione, a pranzo, a cena...

Data: 04/07/2013

Autore: Elena Muzzioli 

A dare il “buongiorno” ai volontari che si sono ritrovati alle 7.30 per “il via alle manovre” e per accogliere gli studenti (dell'iniziativa "Studente solidale" n.d.r.), c’era la cucina: ancora una volta per la cuoca Cristina Tirelli e i suoi collaboratori si è trattato di uno straordinario impegno perché hanno preparato i pasti per ospiti, studenti, volontari e “osservatori speciali”.

Eh sì, perché erano presenti anche altri gruppi di protezione civile provenienti da Mira (VE), Cinisello Balsamo e Forlimpopoli che hanno ammirato i ragazzi e le ragazze alle prese con tutti gli scenari tipici della gestione di un campo di accoglienza, dalla segreteria al montaggio tende all’allestimento dei bagni, per capire quanto importante e faticoso sia il lavoro di questo gruppo.

Significativa è stata anche la presenza dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo, di Anpas e Agesci, Cinofili, Ari Modena che – come dice il Coordinatore del Gruppo Giorgio Berni – hanno rappresentato un esempio di «cosa sia il sistema di protezione civile e di quanto sia importante crescere lavorando assieme».

Simona Arletti, Assessore all’Ambiente del Comune, ha detto che «per gli studenti questa sperimentazione diretta è importante perché consente loro di tradurre in azioni ciò che hanno appreso, passando anche attraverso la fatica, fatica che diventa però soddisfazione e motivazione per avvicinarsi al volontariato come esperienza di crescita».

Questo contenuto è stata visualizzata 402 volte