Omaggio alla Bassa

Le vetture hanno fatto sosta al MEF e attraversato la città sabato 18 maggio sotto gli occhi vigili dei volontari della Protezione dirette alle zone colpite dal sisma

Data: 04/07/2013

Autore: Marcello Bianchi 

Sabato 18 maggio nel tardo pomeriggio, ha fatto ritorno a Modena lo storico corteo delle Mille Miglia.

 Che c’entra con la Protezione Civile? C’entra perché ad accogliere le 375 auto d’epoca ammesse a partecipare e le 135 Ferrari, non c’era solo la cittadinanza, ma anche una ventina di Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, i quali su richiesta degli organizzatori hanno supportato i commissari di gara indicando ai piloti la strada giusta per la famosa “punzonatura” nel cortile del Museo Enzo Ferrari.

 I nostri volontari hanno anche coadiuvato i Vigili Urbani nel mantenere l’ordine e soprattutto la sicurezza delle persone e dei bambini assiepatisi lungo le vie intorno al MEF.

 Il tutto si è svolto con grande entusiasmo del numeroso pubblico intervenuto nonostante alcune gocce di pioggia fin verso le 21.

30, quando il serpentone che proveniva da Roma per concludere la gara storica a Brescia è andato via via scemando per l’unica vera deviazione di quest’anno: le zone colpite dal sisma, in omaggio alle popolazioni che ha devastato l’Emilia nel maggio del 2012.

Contenuti collegati

Questo contenuto è stata visualizzata 317 volte