Emozioni dal campo

I perché di una scelta: Renata a San Felice

Data: 14/01/2013

Autore: Renata Cappi 

Ho pensato che potevo, dovevo, fare qualcosa per dare una mano e così ho dato la mia disponibilità.

Dopo circa un mese ho ricevuto l’invito a partecipare ad una riunione organizzata dalla Protezione Civile di Modena che ho saputo, poi, essere il centro di coordinamento per gli aiuti alle zone terremotate.

Quando sono andata all’incontro, eravamo più di 200 persone. Sono stata felice nel vedere che tanta gente aveva sentito la mia stessa necessità.

Dopo averci spiegato cos’è la Protezione Civile, ci è stato proposto un corso di formazione “ad hoc” per poterci permettere di andare nei campi il prima possibile.

Lo so - rischio di apparire retorica - ma, a questo proposito, voglio ringraziare tutti i “vecchi” volontari per la bella accoglienza che hanno riservato a noi “nuovi”. Ci siamo sentiti “a casa” fin da subito e questo significa molto!

Terminato il corso è arrivato il primo ‘sms’ che chiedeva la disponibilità di volontari per il campo di S. Felice.

Confesso che mi sono emozionata quando l’ho ricevuto. Ho risposto e mi è arrivata la conferma.

E’ iniziata così la mia esperienza di volontaria della Protezione Civile.

Le giornate al campo sono state davvero intense. Il lavoro era tanto e si è fatto un po’ di tutto: turni in cucina, pulizie, montaggio/smontaggio tende e arredi.

Cosa mi ha colpito di più al campo? Il clima sereno che si respirava.

La popolazione di S. Felice era unita e solidale. C’erano tanti sorrisi, tanta pazienza e tanta buona volontà da parte di tutti. Con gli altri volontari c’è stata fin da subito una bella intesa e ho molto apprezzato il fatto che i “veterani” abbiano cercato di farmi sentire sempre a mio agio.

 Cosa ricordo con maggiore tenerezza? Il gelato che andavamo a prendere vicino al campo in una minuscola casetta di legno che i proprietari avevano allestito sotto casa perché i locali della gelateria erano inagibili.

Ormai le uscite al campo sono terminate, ma la mia avventura nella Protezione Civile continua... 

Contenuti collegati

Questo contenuto è stata visualizzata 675 volte