Esercito giallo

Lucensis 2013: volontari da ogni parte d’Italia.

Dal 14 al 15 marzo ad Altopascio di Lucca circa 1000 volontari di tutta Italia, hanno preso parte all’esercitazione di Protezione Civile “Lucensis 2013” organizzata da Modavi Prociv Lucca.

Matteo Berselli è uno dei nostri otto volontari che hanno partecipato.

Com’è nata l’idea di partecipare all’esercitazione?

«Siamo in buoni rapporti con altre realtà di PC limitrofe con cui ci confrontiamo spesso su come operare e ci è stata data questa opportunità per vedere se in altre regioni si usano i nostri stessi canoni».

Come siete stati accolti e dove avete dormito?

«Trattandosi di una simulazione di primo intervento, non c’era tempo per i convenevoli: ad esempio mensa e docce non erano riscaldati. Abbiamo dormito al campo in una tenda della nostra associazione con un generatore per la corrente e una stufetta: non ti dico il freddo di notte!».

Quali attività vi hanno fatto fare?

«Vigilanza sugli argini con le regioni Veneto e Lombardia, attività di supporto antincendio, una ricerca disperso e un paio di simulazioni di evacuazione dovute a un sisma; queste ultime un po’ discusse in quanto si è trattato di un’attività troppo legata alla presenza sulle macerie e non di supporto, come dovrebbe essere un intervento di P.C.».

Alla fine che esperienza è stata?

«L’esercitazione in sé ci ha insegnato poco di nuovo. Abbiamo tratto qualche spunto sulla formazione e sull’organizzazione interna notando che se si lascia troppo campo libero ai volontari, com’è stato fatto, inevitabilmente alcuni gruppi si pongono in modo sbagliato rispetto ad altri. Una nota positiva: abbiamo stretto amicizia con membri di alcune associazioni, tra l’altro intervenute a Modena per lo Studente Solidale, con le quali ci confronteremo anche in futuro».

Questo contenuto è stata visualizzata 707 volte