Caldo, si stanno allertando i servizi di accoglienza

Lo prevede il piano Estate sicura di Comune e Ausl, già attivo da inizio mese con il monitoraggio degli anziani soli e il numero verde dedicato (800-493797)
Data: 26/06/2019
Tag: caldo 

Il caldo torrido è già arrivato. Arpa regionale ha emesso un allerta meteo gialla per le temperature estreme che nella giornata di giovedì 27 giugno si prevede raggiungeranno i 37 gradi nelle aree di pianura.

A soffrire maggiormente delle alte temperature sono anziani e persone debilitate. Il settore Politiche sociali del Comune di Modena sta pertanto provvedendo ad allertare i servizi di accoglienza come previsto dal piano Estate sicura attivato già ad inizio giugno da Comune e Dipartimento di Cure Primarie dell’Azienda Usl con la collaborazione delle associazioni di volontariato.

Nelle strutture che ospitano anziani non autosufficienti, essendo climatizzate, non si registrano particolari criticità. Per gli anziani soli il Piano Estate sicura prevede invece il monitoraggio dei circa 5800 ultrasettantenni che vivono soli o con un coniuge anziano e non sono in carico ai Servizi sociali. Il monitoraggio è funzionale all’attivazione dei servizi di cure domiciliari sulla base del criterio di rischio, quindi soprattutto quando fa più caldo; previsto anche un monitoraggio settimanale degli accessi di anziani ai pronto soccorso.

Tra le azioni attivate con il Piano ci sono, inoltre, l’assistenza farmaceutica e i pasti a domicilio all’occorrenza, oltre a un numero verde dedicato (800-493797) che offre accoglienza e ascolto agli anziani in difficoltà psicologica a causa dell’isolamento (per emergenze è sempre bene rivolgersi immediatamente al 118) e piani informativi rivolti a cittadini e collaboratrici familiari per fornire consigli su come difendersi dal grande caldo.

Nei casi di ondate di calore protratto, e nelle situazioni previste dal piano, potrà essere attivata anche un’unità di crisi distrettuale composta da Dipartimenti Cure primarie e Sanità pubblica, Settore Politiche sociali, medici di Medicina generale e Protezione civile. In particolare, può arrivare ad attivare punti climatizzati, o comunque freschi, dove indirizzare le persone, organizzando anche il trasporto e il monitoraggio costante delle situazioni più a rischio e, previa specifica ordinanza, l’accoglienza temporanea di anziani a rischio nelle ore più calde in strutture e servizi della rete.

Inoltre, il settore Politiche sociali ha già programmato i ricoveri di sollievo nelle strutture residenziali relativi al mese di luglio, accogliendo tutte le domande giunte e sta avviando la programmazione di agosto; ospitando in struttura quegli anziani di cui solitamente si occupano i familiari, si consente anche alla famiglia un periodo di sollievo.

Già partiti, da fine maggio, anche i soggiorni estivi per anziani a Pinarella, ad oggi sono 196 le persone che hanno soggiornato nella casa per ferie del Comune e  oltre 70 sono in procinto di partire questo fine settimana.  

Per chi resta in città è sempre bene mettere in atto anche alcune buone pratiche per contrastare il caldo, come evitare esposizioni dirette al sole e l’assunzione di alcolici o di bevande ghiacciate, fare pasti leggeri, chiudere le imposte nelle ore più calde, limitare l’uso di fornelli e forno, non indirizzare i ventilatori direttamente sul corpo, fare bagni e docce con acqua tiepida, passare più tempo possibile in ambienti con aria condizionata.

Soprattutto alle persone anziane si raccomanda di evitare di stare soli, di tenere a portata di mano i numeri telefonici dei propri cari e di chiamare il medico in caso di malessere. E ancora, è consigliabile evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, bere abbondantemente, consumare molta frutta e verdura e indossare indumenti leggeri e di colore chiaro.

Questo contenuto è stata visualizzata 70 volte