Esercitazione Val Panaro 2001

Generalità

La Consulta Provinciale del Volontariato e della Protezione Civile di Modena, promuove ed organizza una Esercitazione di Protezione Civile denominata "Val Panaro 2001" con la partecipazione delle seguenti Associazioni aderenti alla Consulta stessa:

  • A.G.E.S.C.I. Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani
  • A.N.P.As Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze
  • ANTENNA 2000
  • A.R.I. Associazione Radioamatori Italiani (sezioni di Modena e Carpi)
  • Associazione Sportiva Scuola Nazionale Paracadutismo
  • A. S. Sea Sub Modena
  • A.V.I.S. Associazione Volontari Italiani del Sangue
  • G.G.E.V Guardie Giurate Ecologiche Volontarie
  • G.F.Z. Gruppo Fuoristrada Zocca
  • G.C.V.P.C. Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile di Modena
  • G.S.C. C.U.D. V.P.C. Gruppo Soccorritori Cinofili Cani Utilità di Volontari di Protezione Civile
  • O.R.S.A. Organizzazione Ranger e Scout Adulti
  • Radio Club '81


Date e Luoghi

L'esercitazione avrà luogo in varie fasi di pre allertamento, allertamento e operative dalle ore 14 di venerdì 25 alle ore 14 di domenica 27 Maggio 2001 nell'area del Comune di Vignola con possibili sconfinamenti nei Comuni di Marano, Savignano e Spilamberto per le sole fasi operative limitate alla giornata di sabato 26 maggio, e campo base sede di C.O.M. in un'area attrezzata sita nel Comune di Vignola.


Scenario di intervento

L'ipotesi addestrativa prevede una situazione di emergenza simulata causata da un evento sismico del 7º grado della scala Mercalli (magnitudo 4.2), con epicentro nel Comune di Vignola, interessante una parte dell'area pedemontana della Provincia di Modena e marginalmente i Comuni di Marano, Savignano sul Panaro e Spilamberto.

Enti ed Istituzioni

Per la riuscita dell'esercitazione è indispensabile l'aiuto e la collaborazione di numerosi enti di seguito elencati che verranno contattati contestualmente all'inoltro del presente documento informativo preliminare

  • Comune di Vignola e Polizia Municipale
  • Comune di Marano
  • Comune di Savignano sul Panaro
  • Comune di Spilamberto
  • Prefettura di Modena
  • Provincia di Modena
  • Regione Emilia Romagna
  • Vigili del Fuoco Comando Provinciale di Modena
  • Carabinieri Comando Provinciale di Modena
  • Corpo Forestale dello Stato Comando Provinciale di Modena
  • Polizia Stradale
  • Magistrato del Po
  • Consorzio Bonifica Burana Leo Scoltenna Panaro
  • Direzione Compartimento Aeroportuale Emilia Romagna


Coordinamento organizzativo e Segreteria

A cura della Consulta Provinciale del Volontariato per la Protezione Civile di Modena, ogni comunicazione in merito alla esercitazione in oggetto dovrà essere inviata all'attenzione del Presidente Sig. Giampaolo Baiocco presso la sede della medesima in Viale Jacopo Barozzi 340, 41100 Modena, Tel 059209435, Fax 059209436 Mob 3387648699.
Scopo dell'esercitazione

Lo svolgimento dell'esercitazione prevede l'attuazione delle direttive contenute nel "piano provinciale di Protezione Civile", per verificare le reali potenzialità dell'organizzazione.
L'intento è di proporre un'operatività finalizzata a svariati interventi specialistici rispettando, nelle attribuzioni dei compiti, le competenze che ognuno dei soggetti partecipanti ha nell'ordinario.
Comunque l'obiettivo primario dell'esercitazione, è quello di provare l'efficienza della complessa struttura organizzativa della Protezione Civile, in particolare:

  1. Verificare tempi e modalità di attuazione delle norme e della pianificazione provinciale e locale in vigore per interventi di P.C.
  2. Perfezionare la preparazione dei funzionari responsabili delle varie attività organizzative e di soccorso;
  3. Verificare i tempi di intervento;
  4. Verificare le modalità ed i sistemi di attuazione dei vari Enti coinvolti nella esercitazione;
  5. Verificare l'idoneità dei sistemi di comunicazione;
  6. Verificare la funzionalità dell'intero apparato organizzativo ed operativo, con particolare riferimento all'organo collegiale del C.O.M.;
  7. Sensibilizzare l'opinione pubblica, con il coinvolgimento, seppur limitato, della popolazione.


Descrizione degli interventi addestrativi proposti

L'evento sismico descritto genera altri sottoeventi, che pure se logicamente collegati, possono assumere una configurazione autonoma; si simula il cedimento della "briglia" di Marano sul fiume Panaro creando le premesse per scenari di intervento tipici delle crisi idrauliche inoltre il panico diffusosi fra la popolazione ha determinato una conseguente situazione caotica del traffico, producendo incidenti stradali a catena, fortunatamente senza particolari gravi conseguenze, fatta eccezione per:

  • un'automobile è caduta inspiegabilmente nel fiume nei pressi del ponte Muratori; è necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco e dei Volontari di Protezione Civile (di seguito VPC) e dei sanitari;
  • un'altra autovettura in seguito a tamponamento si è incendiata; è necessario l'intervento dei VVF e dei Volontari e del supporto sanitario;

Il cedimento della "briglia" ha generato una ondata di piena anomala:

  • una persona che stava pescando sopra ad un isolotto, è stata sorpresa dall'ondata di piena, restando isolata, per il recupero della stessa; è necessario l'intervento dei paracadutisti e di un'unità sanitaria;
  • una persona che assisteva alla pesca dall'argine, cercando di ritrarsi è scivolata e battendo il capo è caduta in acqua ed è rimasta travolta dall'ondata di piena, scomparendo tra i flutti, è necessario l'intervento dei sommozzatori per la ricerca ed il recupero;
  • Il ponte Muratori è rimasto lesionato e quindi per i mezzi di soccorso è necessario trovare percorsi alternativi;

Altre richieste per interventi di soccorso giungono alla Sala Operativa del C.O.M., nel dettaglio:

  • Un edificio scolastico è rimasto lesionato e necessita di evacuazione; è necessario l'intervento dei VVF e dei VPC;
  • Una persona presa dal panico risulta smarrita, pertanto necessita di essere ritrovata con l'utilizzo di unità cinofile;
  • Un caseggiato "rustico" è crollato e presumibilmente sotto alle macerie è rimasto intrappolato un abitante;
  • L'ondata di piena predetta ha causato qualche leggera fenditura negli argini e la formazione di fontanazzi che è necessario arginare costruendo una serie di coronelle con sacchetti di sabbia, nonché di provvedere al prosciugamento di alcuni scantinati con l'utilizzo delle motopompe; i VPC esperti in emergenza idraulica, provvedono sotto il coordinamento del Magistrato del Po;
  • In seguito alla caduta di alcuni pali della corrente elettrica, già instabili, si genera un vasto incendio di sterpaglie, per è necessario l'intervento delle squadre con addestramento A.I.B. con Vigili del Fuoco e Corpo Forestale dello Stato.
  • L'ospedale di Vignola , a causa delle scosse, è reso parzialmente inagibile costringendo alla evacuazione circa 15 degenti;
  • Si registrano tre casi di decesso, di cui uno dovuto al panico, mentre il numero dei feriti, circa un centinaio, genera la necessità di trasferimento dei più gravi di essi, circa una trentina, negli ospedali del capoluogo.


Le forze in campo

Per la buona realizzazione di tutto il programma addestrativo proposto le associazioni partecipanti aderenti e non aderenti alla Consulta Provinciale del Volontariato e della Protezione Civile, saranno presenti con le seguenti forze, ogni associazione potrà in ogni momento decidere di aumentare il numero di VPC a disposizione per qualsiasi esigenza addestrativa od organizzativa previa comunicazione preliminare al Coordinamento Organizzativo.

ASSOCIAZIONE 25 maggio 26 maggio 27 maggio
'118 5 15 5
AGESCI 5 15 5
ANPAS 11 20 7
Antenna 2000 2 8 3
ARI Sezione di Carpi 2 7 2
ARI Sezione di Modena 2 8 2
AS Sea Sub Modena 1 9 3
AVIS 1 4 2
CLUB81 Radio 2 6 2
GGEV 21 21 10
GCVPC Modena 7 7 7
Fuoristrada Zocca 5 5 2
GSC CUD VPC 3 15 4
Paracadutisti 2 9 2
ULM 0 6 0
O.R.S.A. 2 2 2
Totale 71 157 58
Questo contenuto è stata visualizzata 1261 volte