Chi siamo

Il Gruppo, costituito con deliberazione del Consiglio Comunale di Modena n. 93 del 13.07.2000, è una associazione di volontariato che svolge attività di prevenzione e soccorso nell'ambito della Protezione civile.

E' nato nel 1999 per affiancare la Protezione civile comunale, ma agisce su tutto il territorio nazionale.

Esondazione Tiepido, massimo impegno per torrenti e canali

Nel piano straordinario urgente per la risoluzione dei problemi legati al nodo idraulico di Modena, evidenziato dalla rottura dell'argine di Secchia dello scorso gennaio, oltre alla manutenzione di argini e controllo alberature di Secchia e Panaro dovranno essere inseriti interventi per mettere in sicurezza anche torrenti e canali nel territorio del Comune di Modena.

Contenuti collegati

Domenica senza auto a Modena: tutti gli eventi del 6 aprile

La "domenica senz'auto liberiamo l'aria", in programma il 6 aprile a Modena, non vedrà solo il blocco di tutte le auto tranne quelle elettriche, ma sarà caratterizzata da tante iniziative dedicate agli adulti e ai bambini sparse in vari luoghi della città. Di seguito il programma dettagliato.
Contenuti collegati

Maltempo, allerta meteo della protezione civile a Modena

Torna il maltempo in Emilia Romagna e l'allerta della protezione civile riguarda anche Modena. Dall'1 di giovedì fino a venerdì, per 30 ore, tutti vigili per monitorare l'ondata di pioggia, con forti temporali, che potrebbero creare disagi nelle zone già colpite da frane e dissesti (sull'Appennino).

Aggiornato il Piano Comunale di Protezione Civile

Ok all'unanimità dal Consiglio. Arletti: "Più sensibilità nella popolazione, serve maggiore comunicazione. Prezioso il ruolo dei 400 volontari della Consulta" 

E' organizzato su 12 funzioni di supporto, con l'impegno di decine di tecnici comunali, e può contare sull'apporto dei 400 volontari della Consulta comunale il Piano di protezione civile del Comune di Modena di cui il Consiglio comunale, nella seduta di giovedì 20 marzo, ha approvato all'unanimità l'aggiornamento. Il nuovo testo, adeguato alle normative più recenti e alla diversa struttura organizzativa dell'ente, rispetto all'originario Piano del 1986, uno dei primi in Italia, tiene conto soprattutto "dell'esperienza sviluppata in questi anni, in particolare in riferimento al terremoto del 2012, e valorizza il ruolo e il prezioso lavoro svolto dai volontari, anche per quello che riguarda la formazione" ha spiegato l'assessore all'Ambiente, con delega alla Protezione civile, Simona Arletti illustrando il provvedimento.

Condividi contenuti