Terremoto Centro Italia/2 Attivazione Consulta

Pronti in poche ore

Le associazioni della Consulta modenese si sono fatte trovare preparate all’emergenza. Anche grazie alle recenti esperienze del sisma in Emilia

Nelle prime ore dopo la scossa, a Modena si è lavorato rapidamente per organizzare l’invio dei primi volontari, mezzi e materiali; nel quadro della ripartizione degli aiuti, la Regione Emilia-Romagna si è impegnata, in particolare, per la Provincia di Ascoli-Piceno e, nello specifico, per il Comune di Montegallo (597 abitanti).

I volontari del Gruppo Comunale hanno ricevuto, nelle prime ore dopo il sisma, una richiesta per attività logistica al Centro Operativo Unificato Provinciale di Marzaglia, dove sono a disposizione strumenti, moduli e mezzi pronti per l’impiego in caso di necessità.

I volontari sono ben consapevoli che il loro contributo è sempre prezioso, non solo “sul posto”, ma anche e soprattutto nelle delicatissime operazioni logistiche di preparazione, caricamento e trasferimento.

Per questo motivo, sin da subito i volontari del nostro Gruppo hanno dato la propria disponibilità per queste prime operazioni di approntamento materiali nel modenese, sotto il coordinamento della Consulta Provinciale del Volontariato di Protezione Civile, oltre che per le relative attività di coordinamento e segreteria.

Sono stati subito predisposti tre mezzi mobili, nell’ambito della colonna mobile organizzata dalla Regione Emilia-Romagna: si è trattato di un mezzo pesante con moduli bagno e doccia, un camper da adibire a segreteria e un mezzo con un’officina mobile.

Non appena è arrivata la richiesta ufficiale dalla Regione, i mezzi, unitamente ai primi volontari della Consulta “pronta partenza”, sono partiti immediatamente per le località colpite dal sisma.

Questo contenuto è stata visualizzata 57 volte