Terremoto Centro Italia/3 - Web sì, web no

Terremoto social

Non solo le informazioni sbagliate creano inutile allarmismo ma rischiano di intralciare i soccorsi

Data: 11/11/2016

Autore: Stefano Tripi 

Alle 3:36 mi sono svegliato.

Il tempo di capire cosa poteva essere successo, seguire le prime notizie su telegiornali e social network, e ho realizzato che stava partendo una “guerra” sulle informazioni.

Al giorno d’oggi, in mezzo a tante notizie vere si diffondono tante notizie non verificate, spesso false, condivise in maniera virale su Internet e social network, amplificando un’informazione distorta, che rischia di intralciare i soccorsi in emergenza.

Nel tempo libero (e alle 4 di mattina ne avevo), ho iniziato a pubblicare solo notizie confermate dalle istituzioni, per il Gruppo (contemporaneamente anche la Consulta faceva lo stesso).

In poche ore sono arrivate tantissime richieste: in mezzo al desiderio di aiutare concretamente, purtroppo c’erano tante richieste basate su informazioni sbagliate, che avrebbero potuto finire per ostacolare l’attività dei soccorritori.

 

Attenzione alle informazioni sul web: non sempre sono attendibili. Vediamo alcuni esempi

Sangue

  • Informazione sbagliata: Serve subito sangue - recatevi tutti a donare!
  • Informazione corretta: Smentita, il sangue bastava; è sempre importante donare, non solo nel primo momento di un’emergenza; la donazione è riservata ai donatori, subordinata a esami e controlli 

Volontari

  • Informazione sbagliata: Servono volontari per scavare!
  • Informazione corretta: Il volontariato di Protezione Civile richiede l’adesione a un’associazione e una formazione specifica

Donazioni

  • Informazione sbagliata: Servono beni di prima necessità!
  • Informazione corretta: Le piccole donazioni sono controproducenti nella gestione di campi e cucine, che lavorano su scale ingenti, con propri sistemi di approvvigionamento; tutte le istituzioni hanno, sin da subito, richiesto donazioni in denaro, finalizzate ai successivi interventi di ricostruzione 

Contenuti collegati

Questo contenuto è stata visualizzata 112 volte