A.I.B. - Tranquilla domenica sulla Calvanella

Avvistamenti d’alta quota

Un’intera giornata tutta dedicata a monitorare e difendere le nostre montagne dagli incendi boschivi, che in estate sono più frequenti

Data: 11/11/2016

Autore: Lino Scida 

L’ultima domenica di luglio, tre volontari (Francesco, Lino e Gianluca) partono alla volta del Monte Calvanella con il mitico Defender.

Il clima è mite e nei nostri volti si legge la consapevolezza di fare una piacevole ma utile scampagnata.

Arrivati a destinazione, davanti a noi si apre un panorama abbagliante di linee che delimitano i monti, le colline e la pianura.

In quel preciso istante ci sentiamo investiti della responsabilità di difendere dal fuoco questo scenario e quindi prepariamo tutti gli strumenti necessari per svolgere al meglio il nostro impegno.

Il tranquillo scorrere della giornata è rotto solo dai contatti radio che ci informano, e noi, a nostra volta, informiamo, sulle condizioni del momento.

La nostra concentrazione viene interrotta solo da un ciclista svizzero, arrivato chissà da dove, e da un “avventore velista del cielo” che con il suo parapendio si lancia nel vuoto e, ondeggiando come un falco nell’aria, diventa sempre più piccolo.

A noi non resta che l’invidia di non poter vedere lo stesso scenario dalla sua prospettiva.

Nello svolgere il nostro servizio, ci siamo resi conto che anche soltanto con l’osservazione, con la comunicazione della stazione radio e con la tempestività delle postazioni mobili, abbiamo contribuito a difendere un bene comune che dovrebbe valere come principio fondamentale per tutti.

Tornando a casa, nei nostri occhi si legge la soddisfazione che tutto è andato bene e di aver fatto qualcosa di importante.                       

Contenuti collegati

Questo contenuto è stata visualizzata 45 volte