Terremoto Abruzzo: le istituzioni dell’Emilia-Romagna ringraziano i volontari della Protezione civile

Le istituzioni dell'Emilia-Romagna stringono la mano ai volontari e agli operatori della Protezione civile che hanno prestato soccorso e assistito le popolazioni abruzzesi colpite dal terremoto del 6 aprile scorso.

La cerimonia "Sisma Abruzzo - 6 aprile 2009", promossa dalla Regione Emilia-Romagna, insieme a ANCI, UPI e UNCEM dell'Emilia-Romagna, si svolgerà nella mattinata di sabato 17 ottobre al "Pala Dozza" di Bologna, alla presenza del sottosegretario Guido Bertolaso, Capo dipartimento nazionale della Protezione civile. Interverranno il Presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, l'assessore alla Protezione civile Marioluigi Bruschini e il direttore dell'agenzia regionale di Protezione civile Demetrio Egidi. Per l'Emilia-Romagna ci sarà anche la presidente dell'assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna Monica Donini. Si prevede un'affluenza di circa 1500 persone tra volontari e operatori impegnati dopo il sisma.

Alle operazioni di soccorso in Abruzzo hanno preso parte circa 3000 volontari di Protezione civile provenienti da tutte le province dell'Emilia-Romagna, 55 funzionari dell'Agenzia regionale di Protezione Civile, 62 funzionari di Province e Comuni, 66 tecnici valutatori dell'agibilità e 186 tra medici, veterinari e infermieri di Aziende ospedaliere, AUSL e 118. Con l'iniziativa di sabato le istituzioni intendono ringraziare e manifestare la propria stima a tutti i volontari ed agli operatori di Protezione civile per la capacità organizzativa, l'impegno e la solidarietà dimostrati durante l'emergenza terremoto.

La cerimonia rappresenta anche l'occasione per ripercorrere le tappe più significative dell'intervento del sistema regionale di Protezione Civile dell'Emilia-Romagna durante i sei mesi di emergenza terremoto in Abruzzo, in stretto raccordo con il Dipartimento nazionale di Protezione Civile: l'immediata mobilitazione dei soccorsi con la partenza delle colonne mobili del volontariato, l'allestimento in tempi rapidi e la gestione di tre campi di assistenza alle persone sfollate all'Aquila, in piazza d'Armi, a Villa Sant'Angelo (AQ) e Sant'Eusanio Forconese (AQ). Saranno inoltre illustrati i due importanti progetti avviati dal "sistema Emilia-Romagna" nell'ambito del piano complessivo di ricostruzione delle aree colpite dal sisma: la nuova centrale operativa 118 all'Aquila ed il nuovo Poliambulatorio medico di base per i Comuni di Villa Sant'Angelo e Sant'Eusanio Forconese.

Alla cerimonia parteciperanno anche Angelo Tranfaglia prefetto di Bologna, Giovanni Chiodi presidente della Regione Abruzzo, Massimo Cialente sindaco dell'Aquila e Stefania Pezzopane, presidente della Provincia dell'Aquila; Pier Luigi Biondi e Giovanni Berardinangelo, sindaci dei Comuni aquilani di Villa Sant'Angelo e Sant'Eusanio Forconese. Interverranno Plinio Lenzi, assessore alla Protezione Civile del Comune di Bologna, Emanuele Burgin, assessore alla Protezione Civile della Provincia di Bologna, Mario Mazzoni, vicepresidente del Comitato regionale del volontariato di Protezione Civile dell'Emilia-Romagna, in rappresentanza dei nove coordinamenti provinciali, i presidenti delle associazioni regionali del volontariato ed i rappresentanti della Sanità regionale-118 e del nucleo di valutazione regionale

La Protezione civile regionale schiererà di fronte al Pala Dozza alcuni mezzi tra cui un autoarticolato della Colonna mobile regionale, un fuoristrada defender con attrezzatura anti-incendio, tende e "moduli" bagno e cucina utilizzati in Abruzzo.

Questo contenuto è stata visualizzata 966 volte